Main menu

Italia dei Diritti

Movimento politico nazionale
per la difesa dei diritti dei cittadini.

Chi Siamo Aderisci

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Brescia solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale bresciana del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Brescia del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Brescia solidarizza col...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Bergamo solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale bergamasca del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Bergamo del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Bergamo solidarizza col...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Frosinone solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale frusinate del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Frosinone del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Frosinone solidarizza col...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Milano solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale milanese del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Milano del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Milano solidarizza col suo...

Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito paradossalmente dalla Polizia

 

AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

ALLA PRESIDENTE DEL SENATO

AL PRESIDENTE DELLA

CAMERA DEI DEPUTATI

AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

AL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA

AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE

PARLAMENTARE DI INCHIESTA SUL FENOMENO

DELLE MAFIE E SULLE ALTRE ASSOCIAZIONI

CRIMINALI, ANCHE STRANIERE

AL PROCURATORE NAZIONALE ANTIMAFIA

AL PROCURATORE DISTRETTUALE ANTIMAFIA ROMA


AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA DI ROMA

AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

DI CIVITAVECCHIA

AL PROCURATORE DELLA REPUBBLICA

DI VELLETRI

AL PROCURATORE GENERALE

DELLA CORTE DEI CONTI

AL PROCURATORE DELLA CORTE DEI CONTI

PER IL LAZIO

AL MINISTRO DELL’INTERNO

AL CAPO DELLA POLIZIA-

DIRETTORE GENERALE DELLA

PUBBLICA SICUREZZA

AL DIRIGENTE V ZONA POLIZIA DI FRONTIERA –

LAZIO-SARDEGNA-UMBRIA

AL DIRIGENTE DELL’UFFICIO

DI POLIZIA DI FRONTIERA AEREA

DI  FIUMICINO

AL QUESTORE DI ROMA

AL DIRETTORE DEL SERVIZIO

PERSONALE TECNICO-SCIENTIFICO

E PROFESSIONALE DEL DIPARTIMENTO

DELLA PUBBLICA SICUREZZA

AL DIRETTORE DELL’UFFICIO

ATTIVITA’ CONCORSUALI

DEL DIPARTIMENTO

DELLA PUBBLICA SICUREZZA

AL DIRIGENTE DELL’UFFICIO

SANITARIO PROVINCIALE DI ROMA

DELLA POLIZIA DI STATO

AL DIRIGENTE DEL COMMISSARIATO DI P.S.

LIDO DI ROMA

AL PREFETTO DI ROMA

AL MINISTRO DELLA DIFESA

AL CAPO DI STATO MAGGIORE DELLA DIFESA

AL CAPO DI STATO MAGGIORE DELL’ESERCITO

AL CAPO DEL COMANDO LOGISTICO

DELL’ESERCITO

AL CAPO DEL COMANDO DI SANITA’

E VETERINARIA DELL’ESERCITO

AL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO

MILITARE DI MEDICINA LEGALE DI ROMA

AL PRESIDENTE DELLA C.M.O. POLIZIA DI STATO ROMA

AL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE

MEDICA INTERFORZE DI 2^ ISTANZA

AL COMANDANTE GENERALE

DELL’ARMA DEI CARABINIERI

AL COMANDANTE INTERREGIONALE

CARABINIERI “PODGORA”

AL COMANDANTE LEGIONE CARABINIERI LAZIO

AL COMANDANTE PROVINCIALE

CARABINIERI ROMA

AL COMANDANTE DELLA

COMPAGNIA CARABINIERI DI VELLETRI

AL SINDACO DI ROMA CAPITALE

AL COMANDANTE GENERALE

DELLA POLIZIA LOCALE

DI ROMA CAPITALE

AL SEGRETARIO GENERALE SIULP

AL SEGRETARIO GENERALE PROVINCIALE

ROMA SIULP

AL SEGRETARIO GENERALE SAP

AL SEGRETARIO GENERALE PROVINCIALE

ROMA SAP

AL SEGRETARIO GENERALE

FEDERAZIONE COISP – MOSAP

AL SEGRETARIO GENERALE PROVINCIALE

ROMA FEDERAZIONE COISP-MOSAP

AL SEGRETARIO GENERALE SIAP

AL SEGRETARIO GENERALE PROVINCIALE

ROMA SIAP

AL SEGRETARIO GENERALE

FSP POLIZIA DI STATO

AL SEGRETATIO GENERALE PROVINCIALE

ROMA FSP POLIZIA DI STATO

AL SEGRETARIO GENERALE SILP CGIL

AL SEGRETARIO GENERALE

PROVINCIALE ROMA SILP CGIL

AL SEGRETARIO NAZIONALE ANFP

A TUTTI GLI ORGANI DI STAMPA

Al fine di garantire la massima diffusione si inoltrerà altresì, prossimamente, per conoscenza:

A TUTTI GLI UFFICI GIUDIZIARI

A TUTTI GLI UFFICI DEL MINISTERO DELL’INTERNO E DELLA POLIZIA DI STATO

A TUTTI GLI UFFICI DELL’ARMA DEI CARABINIERI

A TUTTI GLI UFFICI DI ROMA CAPITALE

Con espressa riserva di aggiungere al suddetto elenco, qualora lo ritenessi opportuno, ogni altro riferimento, istituzionale e non.

Leggi tutto: Lettera aperta di Antonello De Pierro,il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e punito...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Mantova solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale mantovana del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Mantova del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Mantova solidarizza col...

Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo presidente Antonello De Pierro

Tramite il responsabile alla politica interna Carlo Spinelli il movimento Italia dei Diritti solidarizza con il proprio fondatore e presidente il giornalista Antonello De Pierro che dopo aver subito un’aggressione mafiosa è stato messo sotto accusa dalle forze dell’ordine che lui stesso rappresenta

 

Roma - Non c’è limite ai paradossi che si verificano in Italia; in uno di questi è rimasto vittima il fondatore e presidente del movimento Italia dei Diritti Antonello De  Pierro giornalista e agente di Polizia che, benché avesse subito un’aggressione mafiosa da parte di Armando Spada esponente di spicco dell’omonimo clan mafioso di Ostia, si è trovato a doversi difendere dalle accuse dello stesso organo statale che De Pierro rappresenta.

” Che il nostro Paese a volte non valorizza appieno le risorse di cui dispone è risaputo, tanti sono coloro costretti a migrare per affermarsi nei propri campi professionali ed è per questo che a volte l’Italia ha perso anche menti straordinarie che hanno fatto fortuna all’estero e le fortune di chi ha consentito loro di prestare la propria opera professionale – esordisce così il responsabile alla politica interna del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli commentando l’episodio che ha visto coinvolto il presidente del movimento stesso Antonello De Pierro – così come molti sono i casi di ingiustizie perpetrati ai danni di cittadini innocenti che si sono visti condannare per crimini mai commessi o che sono passati da vittime a carnefici per errori giudiziari o per incapacità di chi svolge indagini o magari soltanto perché gli inquirenti venivano pressati dall’opinione pubblica e dalle istituzioni alla ricerca di un colpevole per forza, ma quanto successo al nostro presidente Antonello De Pierro in questo caso anche agente della Polizia di Stato ha davvero dell’incredibile.

Leggi tutto: Aggredito dai mafiosi e accusato dallo Stato, Italia dei Diritti esprime solidarietà al suo...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Lodi solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale lodigiana del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Lodi del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Lodi solidarizza col suo...

Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato incredibilmente dalla Polizia

Il presidente dell'Italia dei Diritti ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione del clan. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni  

Roma - E' nota a molti la vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose. Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: Antonello De Pierro, parla il poliziotto giornalista aggredito dal boss Spada e sanzionato...

De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Lecco solidarizza col suo presidente

Dopo che il leader dell'Italia dei Diritti, poliziotto e giornalista, ha deciso di rompere il silenzio sull'assurda vicenda, che vide il suo dirigente credere alla versione degli amici del clan, è giunta la solidarietà della segreteria provinciale lecchese del movimento. Era stata chiesta la destituzione poi derubricata in deplorazione, con carriera bloccata. Presto sarà un baby pensionato a spese dei cittadini, che sono costretti a lavorare fino a 67 anni 

Roma - Sulla nota vicenda che ha coinvolto, suo malgrado, il presidente dell'Italia dei Diritti Antonello De Pierro e la sua famiglia, in particolare sua madre Lucia Salvati, dirigente statale in pensione, i quali, dopo aver presentato un esposto per abusi edilizi sono stati risucchiati in un vortice kafkiano fatto di intimidazioni, coperture istituzionali, aggressioni mafiose, si registra l'attestato di solidarietà giunto dalla segreteria provinciale di Lecco del movimento, che si stringe intorno al suo leader nazionale.

Il giornalista e politico romano, affiancato spesso anche da sua madre, da anni sta combattendo per far emergere la verità e accendere definitivamente i riflettori su una storia torbida fatta di clamorose omissioni da parte di chi, nel tessuto istituzionale, in particolar modo di Ostia, avrebbe dovuto vigilare e far rispettare le norme codificate nel nostro ordinamento giuridico. Soprattutto è balzata più volte agli onori delle cronache l'episodio che vede De Pierro e suo fratello vittime di un'aggressione fisica, condita da minacce di morte, da parte del noto boss mafioso Armando Spada. L'esponente del clan, cugino di quel Roberto Spada che colpì con una testata il reporter Daniele Piervincenzi, è lo stesso che minacciò di morte  ("Ti sparo in testa") e sequestrò la giornalista di Repubblica Federica Angeli, che vive sotto scorta. E' questo il personaggio che un giorno si presentò alla porta del leader dell'Italia dei Diritti, accompagnato in macchina da Alfonso De Prosperis, noto imprenditore della lavorazione del ferro e da sua moglie Angela Falqui, per indurlo, con le maniere forti (dopo l'aggressione fu costretto a ricorrere, insieme a suo fratello,  alle cure dei sanitari), a farlo desistere dal proseguire a chiedere giustizia per i torti che riteneva di aver subito. La Falqui era l'intestataria di un immobile, confinante con la proprietà di De Pierro, in cui erano state realizzate delle imponenti opere edili (si parla della trasformazione di una porzione di villetta bifamiliare in 4 appartamenti, poi tutti venduti). Dalla famiglia dell'ex direttore di Radio Roma erano stati presentati degli esposti per chiedere la verifica della liceità dei lavori effettuati, ma non ci sono stati mai riscontri. Come non ci sono stati in merito a un'altra costruzione, sempre della Falqui, risultata poi abusiva, che non solo non rispettava i canonici 5 metri di distanza dal confine altrui, ma addirittura sconfinava di circa 50 cm, come dimostrato apoditticamente con videoriprese da De Pierro. Un illecito visibile ictu oculi e accertato successivamente in sede giudiziale solo su impulso di parte, tramite una citazione in giudizio in sede civile, terminata con una condanna alla demolizione, che però 2 vigilesse in servizio a Ostia, Patrizia Sgueglia ed Emanuela Spito, non solo non notarono, ma arrivarono addirittura a dichiarare che la proprietà della Falqui era stata ispezionata, ma non erano state riscontrate irregolarità.

Leggi tutto: De Pierro aggredito da boss Spada e punito da Polizia, Idd Provincia di Lecco solidarizza col suo...

De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti

Il presidente del movimento commenta il 30% ottenuto alle ultime elezioni nel comune della Valle Ustica e spiega perché considera questo risultato un successo

Roma - Ad alcuni giorni dallo spoglio delle elezioni amministrative 2020, che hanno visto il movimento Italia dei Diritti partecipare con una lista in più comuni, il presidente Antonello De Pierro, il giornalista ex direttore e voce storica di Radio Roma che lo fondò alcuni anni or sono, si avventura in una disamina del voto. E lo fa con riferimento a Percile, incantevole borgo della Città Metropolitana di Roma Capitale, dove la formazione politica da lui presieduta ha incassato un'espressione consensuale pari al 30%, che ha permesso di eleggere 3 consiglieri (il candidato a sindaco Giovanni Ziantoni, Roberto Porcacchia, nipote d'arte in quanto suo zio è Oscar Tortosa, attuale vice presidente del movimento e noto politico di lungo corso, e il dottor Marco Del Monaco, medico presso l'ospedale di Subiaco) grazie a un magistrale lavoro di squadra che ha visto impegnati senza soluzione di continuità e con un ingente impiego di energie tanti dirigenti territoriali, a iniziare dal responsabile provinciale di Roma Carlo Spinelli, che tanti applausi ha riscosso durante il suo intervento in occasione della chiusura della campagna elettorale, facendo impennare verso il rosso il termometro dell'entusiasmo.

Fondamentali per il risultato ottenuto sono stati altresì il responsabile per la Valle Ustica Mattia Cola e quello locale Daniele Vitelli, che hanno supportato magistralmente il candidato sindaco Giovanni Ziantoni, uno degli esponenti più attivi nelle file del movimento capeggiato da De Pierro, già consigliere comunale a Sambuci e sempre in prima linea come responsabile territoriale per Vicovaro. Ma anche lo stesso numero uno dell'Italia dei Diritti,capogruppo nell'assemblea consiliare della vicina Roccagiovine e consigliere nell'Unione dei Comuni Valle Ustica (di cui fa parte anche Percile), nonché a capo di un gruppo di ben 8 membri in seno alla Comunità Montana dell'Aniene (attualmente commissariata per favorire la trasformazione in Unione dei Comuni Montani), ha dato il suo contributo a ciò che i pronostici della vigilia annunciavano come una vittoria epocale e senza precedenti, chiudendo trionfalmente proprio a Percile la campagna elettorale, tra un fiume di applausi scroscianti e risonanti ovazioni, di fronte a una platea numerosissima, nonostante le misure restrittive imposte dalle norme anticovid.

Tra i tanti sostenitori dell'Italia dei Diritti presenti, accorsi anche da altri comuni, in particolare dalla limitrofa Licenza, dove il movimento si prepara a lanciare la sfida per la prossima tornata amministrativa, si è infilato qualche elettore di altre liste, che lasciandosi andare a qualche contestazione dal sapore triviale ha fatto sfiorare la rissa, scongiurata fortunatamente dall'intervento delle forze dell'ordine presenti.

Leggi tutto: De Pierro, a Percile ha vinto l'Italia dei Diritti

FacebookTwitter